Domenica 25 luglio 2021 – Cima di Ombladet (2255 m)

  • 0

Domenica 25 luglio 2021 – Cima di Ombladet (2255 m)

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

Tiziana Delpiccolo

Ciro Cargnelli

 
Contatti:

0432 985881

338 3821476

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico  
Tempi:

salita  ore 3:15 – discesa ore 2:30

Dislivello: Salita 1070 m Discesa: 1070 m  
Itinerario:

Salita alla CIMA DI OMBLADET (2255 m) da Collinetta per il recente sentiero n. 160 “delle portatrici carniche”

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 01
Sentieri CAI: 160
Interesse:

Paesaggistico, storico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI AVERE CON SE MASCHERINA E GEL DISINFETTANTE (dispositivi DPI) 

oltre alla normale attrezzatura di escursionismo – abbigliamento da media montagna

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore Partenza ore 7:00
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17:00 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI IN EMERGENZA COVID-19  

I partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro inerente all’utilizzo dei dispositivi DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale. I partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione responsabili dell’attuazione delle misure anticovid durante l’escursione.

I partecipanti si impegnano a COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL MODULO DI DICHIARAZIONE E DI CONSEGNARLO AI CAPI-ESCURSIONE PRIMA DELL’INIZIO DELL’ESCURSIONE STESSA.

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

– se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina e gel disinfettante) e di quant’altro indicato dai capi-escursione;

– se è soggetto a quarantena, se è a conoscenza di essere stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone positive o se non è in grado di certificare di avere una temperatura corporea inferiore a 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19.

Durante l’escursione i partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente il distanziamento di 2 metri tra le persone.

Sono vietati scambi di attrezzature, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare.

E’ responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso al fine di evitare inquinamento a danno di tutti ma in specialmodo delle popolazioni montane.

IL NUMERO DI PARTECIPANTI E’ LIMITATO A 20 PERSONE PIU’ I CAPI-ESCURSIONE. PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO ISCRIVERSI CONTATTANDO PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE TELEFONICAMENTE

Relazione:

Indicazioni stradali.

Usciti dall’autostrada ad Amaro si percorre  la statale n. 52 in direzione Tolmezzo, Villa Santina, Forni Avoltri, fino alla frazione di Collinetta. Piccolo parcheggio lato strada e qualche posto più sotto, nel centro della borgata.

Escursione

Il sentiero 160 parte proprio dalla strada principale, in corrispondenza dei gradini presso una casa con una piccola fontana sormontata da un aquilotto in pietra. Attraversato il pendio prativo a monte dell’abitato, entriamo nel bosco dove il sentiero (ex mulattera militare) inizia a salire a tornanti, intersecando più volte il vecchio tracciato su cui scendevano le slitte che trasportavano a valle il fieno. Dopo circa un’ora, usciti dal bosco, iniziamo a rimontare il crestone sud est, punteggiato ancora da qualche abete e sorbo degli uccellatori: a sinistra il vallone del rio Armentis, a destra del rio Collinetta.  Numerose in questa stagione le fioriture di gigli, arnica ed orchidee. A 1850 m si giunge alle terrazze di “Belvedere”, dove un tempo sorgeva una malga e poi la stazione intermedia della teleferica e baraccamenti militari, costruiti all’inizio della grande guerra, nel 1915, a supporto delle posizioni di Cima Ombladet e Sasso Nero.

Ombladet

Il sentiero ora si fa più ripido fino all’incrocio con il sent. 169 proveniente da est, a circa 2100 m. Poi il tratto terminale risale più dolcemente fra prati e roccette fino in vetta. Vista sul gruppo del Coglians, Crostis, zona di Bordaglia, e a sud verso Rigolato con la dorsale Chiampizzulon-Pleros-Creta della Fuina.

Discesa: per la via di salita.

2020 20-60

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 


  • 0
Monte RITE

Monte RITE 2183 m – Dolomiti Cadorine – P.so Cibiana – Domenica 11 luglio 2021

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile ⊗ – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione: AE/EAI/EEA  Boemo Cristian Braida Ottaviano  
Contatti: 348 7693599    
Grado di difficoltà: E Escursionistico  
Tempi: escursione ad anello 5 ore
Dislivello: Salita 850 m Discesa: 850 m  
Itinerario: Auto: C.d.Fr. -Palmanova_ A4 Portogruaro- A27 Conegliano- A28 Belluno-Longarone- Forno di Zoldo- Passo Cibiana.

Dal Passo di Cibiana (1530 m) – Forc. val d’Inferna sent. 497  (1693 m) – sent. 478 Croce del Rite 1977 m – Cima  2183 m. Rif. Dolomites 2160 – Forc. Deona 2053 m – sent. 479 – P.so Cibiana 1530 m

Cartografia: Tabacco foglio 016 1:25.000 Dolomiti Centro Cadore
Sentieri CAI: 497-479-478
Interesse: naturalistico – ambientale – storico – culturale
Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI AVERE CON SE MASCHERINA E GEL DISINFETTANTE (dispositivi DPI).

Normale attrezzatura di escursionismo

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, o06:30 (se diverso in accordo con i responsabili escursione)
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18
Mezzo: Auto propria RISPETTANDO LE NORME NAZIONALI E REGIONALI
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI IN EMERGENZA COVID-19

I partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro inerente all’utilizzo dei dispositivi DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale. I partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione responsabili dell’attuazione delle misure anticovid durante l’escursione.

I partecipanti si impegnano a COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL MODULO DI DICHIARAZIONE E DI CONSEGNARLO AI CAPI-ESCURSIONE PRIMA DELL’INIZIO DELL’ESCURSIONE STESSA.

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

– se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina e gel disinfettante) e di quant’altro indicato dai capi-escursione;

– se è soggetto a quarantena, se è a conoscenza di essere stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone positive o se non è in grado di certificare di avere una temperatura corporea inferiore a 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19.

Durante l’escursione i partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente il distanziamento di 2 metri tra le persone.

Sono vietati scambi di attrezzature, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare.

E’ responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso al fine di evitare inquinamento a danno di tutti ma in specialmodo delle popolazioni montane.

IL NUMERO DI PARTECIPANTI E’ LIMITATO A 20 PERSONE PIU’ I CAPI-ESCURSIONE. PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO ISCRIVERSI CONTATTANDO PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE TELEFONICAMENTE

Relazione:

PRESENTAZIONE: Proponiamo in sostituzione alle mete dell’Altopiano di Asiago, un giro ad anello molto interessante, non impegnativo per dislivello e difficoltà tecniche, che raggiunge la cima del Monte Rite. Dalla sommità si gode, per la sua posizione, di un panorama a 360° molto remunerativo. Non per altro era stato scelto come punto di osservazione strategico durante la Grande Guerra. Dopo aver parcheggiato al passo Cibiana (1530 m) si scenderà per poco di un km sul versante zoldano e sulla dx proseguiremo per sentiero 494 fino alla Forc.di V. d’Inferna (1693 m). Ora salendo in direzione E per sent. 478, continueremo la salita verso la forc. Deona ma invece di raggiungerla, continueremo sul sentiero naturalistico verso la Croce di M.Rite a 1977 m.

Monte Rite

Ora non rimane che risalire gli ultimi 200 m verso la cima principale, un vasto pianoro sommitale, con i resti delle opere militari dove è stato costruito il Museo delle Nuvole, ideato da R. Messner, con le testimonianze più significative donate dallo stesso alpinista, per raccontare la bellezza dell’ambiente montano. Una sosta al Rifugio Dolomites se lo si desidera (2160 m), e poi raggiungendo la forcella Deona a 2053 m scenderemo il sent. 479 Troi d’Orlando per innestarsi sulla strada sterrata a 1653 m ed infine il parcheggio. Una sosta doverosa per una visitina, al paese di Cibiana, caratteristico per i suoi oltre 50 murales realizzati a partire dal 1980. Sono preziose opere di artisti molto noti, inizialmente dell’area veneta, successivamente anche di pittori di fama mondiale. Sono stati inseriti con cura nell’architettura rustica dell’antico paese e raccontano la storia delle case dove sono stati dipinti: la casa del carbonaio, del casaro, del fabbro, del mugnaio

2020 20-60

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :


  • 0

Anello del Monte CORONA – 7 luglio 2021

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  Ο – Escursionismo  – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

ZORAT   Marino

TUNIZ    Diego

 
Contatti:

333 8363005

347 9758157

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico  
Tempi:

Tempo totale ore 5,00

Dislivello: Salita 700 m    
Itinerario:

A Pontebba si seguono le indicazioni per Passo Pramollo, Giunti al Passo si parcheggia.

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 018
Sentieri CAI:

CAI 501, 504

Interesse:

Naturalistico,  paesaggistico e storico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI AVERE CON SE MASCHERINA E GEL DISINFETTANTE (dispositivi DPI).

Normale attrezzatura di escursionismo, bastoncini.

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7:00.

– Parcheggio Caramel a Palmanova ore 7,15

Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18
Mezzo: Auto propria

RISPETTANDO LE NORME NAZIONALI E REGIONALI.

Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI IN EMERGENZA COVID-19

I partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro inerente all’utilizzo dei dispositivi DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale. I partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione responsabili dell’attuazione delle misure anticovid durante l’escursione.

I partecipanti si impegnano a COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL MODULO DI DICHIARAZIONE E DI CONSEGNARLO AI CAPI-ESCURSIONE PRIMA DELL’INIZIO DELL’ESCURSIONE STESSA.

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

– se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina e gel disinfettante) e di quant’altro indicato dai capi-escursione;

– se è soggetto a quarantena, se è a conoscenza di essere stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone positive o se non è in grado di certificare di avere una temperatura corporea inferiore a 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19.

Durante l’escursione i partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente il distanziamento di 2 metri tra le persone.

Sono vietati scambi di attrezzature, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare.

E’ responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso al fine di evitare inquinamento a danno di tutti ma in specialmodo delle popolazioni montane.

IL NUMERO DI PARTECIPANTI E’ LIMITATO A 20 PERSONE PIU’ I CAPI-ESCURSIONE. PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO ISCRIVERSI CONTATTANDO PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE TELEFONICAMENTE

Relazione:

Da dietro l’albergo “Al Forcello” si imbocca la carrareccia diretta alla casera Auernig. Arrivati nei pressi della casera si abbandona la strada per seguire, a sinistra, il sentiero CAI 501 (sentiero Bepi Della Schiava) che si innalza lentamente nel rado bosco verso la sella che separa il monte Auernig dal monte Carnizza. Raggiunta la sella si piega a sinistra in direzione del monte Carnizza con un percorso inizialmente ripido per po adagiarsi su uno spallone erboso. Ripreso il filo di cresta lo si segue fedelmente raggiungendo un’anticima. Si scende, quindi, qualche metro continuando il percorso di cresta che si innalza nuovamente fino a raggiungere la cima del monte Carnizza (1950 m). Si scende per la cresta dal versante opposto, con andamento abbastanza ripido fino ad una piccola insellatura superata la quale il sentiero riprende a salire lungo un canalino friabile che si esaurisce a quota 1885 m. Da qui, la discesa lungo la cresta non presenta particolari difficoltà fino a pervenire a sella Carnizza (1675 m). Dalla sella si imbocca il sentiero con la segnaletica per il monte Corona, che si innalza tra i mughi, giungendo, a breve, ad un ripiano pascolivo. Dal pianoro si taglia il pendio soprastante per guadagnare l’ampio plateau somitale della cima del monte Corona (1832 m). Si scende, ora, in direzione sud, lungo una dorsale erbosa, su una traccia che si rende man mano più evidente dirigendosi verso il pascolo di casera For ben visibile dall’alto. Dalla casera si imbocca il sentiero che si dirige a ovest e che, poco dopo si immette sulla carrareccia che raggiunge casera Auernig (dove si chiude l’anello) e da qui il punto di partenza. 

2020 20-60

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :

Category : Gruppo Seniores


Calendario articoli pubblicati

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Le nostre immagini