Monthly Archives: Ottobre 2022

  • 0

CAI – Cima Tulsti 1179 m Val Resia – Prealpi Giulie, Domenica 6 Novembre 2022

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo:  – Escursionismo
Capo escursione:

Alessandro Filippo

Davide di Lazzaro

 
Contatti:

339 3266319

348 0882066

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico
Tempi: 4:30 ore
Dislivello: Salita 700 m Discesa: 700 m  
Itinerario:

Da Prato di Resia 496 m alla Cima Tulsti per traccia di sentiero e CAI 631, ritorno per Stavoli Goslò e sentiero CAI 638

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 027 o 018
Sentieri CAI:

631 e 638

Interesse:

Storico, paesaggistico, naturalistico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI RISPETTARE LE NOTE OPERATIVE.

Normale attrezzatura di escursionismo

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 6:45. Partenza ore 7:00
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 16:00 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI

Viene raccomandato ai partecipanti di rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro disposto dalle Autorità competenti in termini di misure anti-Covid, rispettando altresì scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione.

COME DI CONSUETO, PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO PASSARE IN SEDE IL GIOVEDÌ PRIMA DELL’ESCURSIONE PER ISCRIVERSI O CONTATTARE PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE

Relazione:

Avvicinamento:

Percorriamo la statale 13 fino a Resiutta dove si imbocca la  strada che risale la val Resia. Proseguiamo oltrepassando il ponte sul torrente fino ad un incrocio dove svolteremo per Prato.  Parcheggeremo a fianco alla chiesa.

Escursione:

Raggiunto il cimitero poco distante, saliamo seguendo la direzione data dalle ancone della Via Crucis. Dietro il cimitero inizia il nostro sentiero, segnalato con traccia nera sulla cartina, che risale nella pineta. Dopo poco ci si innesta su un altro sentiero proveniente da Crisacis. Si attraversa un piccolo rio, poi la pendenza inizia a farsi più sostenuta. Si devono infatti superare alcune balze rocciose. Ignorato un bivio che scende verso la pista di forcella Sagata, saliamo ancora ripidi incrociando un torrente presso una pozza sovrastata da un’ancona votiva. La pineta lascia spazio al bosco di faggio e seguendo gli ometti e la direzione data da una valletta si arriva alla forcella quotata 899 m, dove si ritrova il segnavia CAI 631, che seguiremo a destra. Si segue il sentiero fino ad un bivio, dove abbandoneremo il segnavia CAI e proseguiremo seguendo le segnalazioni per la cima. Il sentiero continua sul crinale raggiungendo i resti di una casermetta e dopo una risalita su una lettiera di foglie raggiungeremo in breve la cima e, facendo un minimo di attenzione, un punto panoramico sulla Val Resia. La cima presenta alcuni resti risalenti alla Grande Guerra.

Per il ritorno utilizzeremo lo stesso itinerario fino alla selletta di quota 899 m.

Proseguiremo poi in leggera salita fino agli stavoli Goslò, dove troveremo un sentiero che attraversando le pendici del monte Lipicen scende fino alla pista.  Dalla pista c’è la possibilità di visitare forcella Sagata e la baita degli Alpini. Per la discesa seguiremo la pista che con alcuni tornanti evitabili con dei tratti di sentiero, ci riporterà a Prato, nelle vicinanze del cimitero.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 00431 364288
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :


  • 0

CAI – FORTEZZA DI OSOPPO ANELLO DEL COLLE S. ROCCO – 05 NOVEMBRE 2022

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo:  – Nordic Walking
Capo escursione:

Salvemini Nicole

Del Bianco Sabrina

 
Contatti:

349 5012646

327 1443591

 
Grado di difficoltà: T Turistico
Tempi: 3:o0 ore circa
Dislivello: Salita 200 m Discesa: 200 m

Sviluppo: 9 km

Itinerario:

Escursione che parte dal Parco del Rivellino di Osoppo (187 m) con salita alla Fortezza di Osoppo (310 m) e dopo essere scesi per la Via dei Capitelli si conclude con un anello del Colle di S. Rocco fino al punto di partenza seguendo i segnavia Cai.

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 020
Sentieri CAI: 720
Interesse:

Storico, paesaggistico, naturalistico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI RISPETTARE LE NOTE OPERATIVE.

Normale attrezzatura da nordic walking (bastoncini).

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 8:00. Partenza ore 8:15
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 14:00 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI

Viene raccomandato ai partecipanti di rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro disposto dalle Autorità competenti in termini di misure anti-Covid, rispettando altresì scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione.

COME DI CONSUETO, PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO PASSARE IN SEDE IL GIOVEDÌ PRIMA DELL’ESCURSIONE PER ISCRIVERSI O CONTATTARE PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE

Relazione:

QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER SOCI CAI: 10 euro (per i NON SOCI è necessario pagare anche la quota di assicurazione giornaliera di 15 euro)

E’ CONSIGLIATO CONOSCERE LA TECNICA IN OGGETTO, AVERE DIMESTICHEZZA CON L’UTILIZZO DEI BASTONCINI SPECIFICI E/O AVER GIA’ FREQUENTATO UN CORSO.

NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI 7

Relazione:

Il percorso ha inizio attraversando il Parco del Rivellino di Osoppo (187 m) seguendo le puntuali indicazioni CAI sugli alberi (sentiero 720) fino alle pendici del colle di Osoppo. Qui, poco prima di incrociare la strada asfaltata, si imbocca la pista sterrata che si stacca a sinistra. Si sale con pendenza moderata fino a raggiungere il bivio con la mulattiera che utilizzeremo più tardi per la discesa. Per ora ci si tiene ancora a sinistra innestandosi sulla strada che sale dal paese verso l’ingresso principale del Forte di Osoppo.

Da qui in poi ha inizio una sequenza di mura, bastioni e costruzioni difensive che testimoniano la millenaria epopea del colle. Oltrepassata anche la seconda cinta muraria, si accede al piazzale superiore dove ci colpisce la vista della Chiesa di San Pietro con la moderna copertura.

Seguendo con attenzione le segnalazioni CAI, si compie un piccolo anello che ci porta a visitare le zone storicamente più interessanti. Si inizia a destra dove un’ incassata stradina ci porta a lambire la polveriera principale della fortezza. In breve si esce su un ripiano erboso dal quale si prosegue a destra verso il piazzale delle cupole. Il percorso prosegue in leggera discesa fino ad un belvedere sopra lo sperone roccioso che precipita a meridione. Prima di proseguire è possibile visitare i resti del vecchio castello di Savorgnan, percorrendo l’aereo camminamento e/o attraversando i corridoi.

Si scende poi in direzione di uno specchio d’acqua e tenendosi sulla destra della Casa del Comandante, il sentiero aggira la vetta del colle, dedicata a Napoleone, alla quale possiamo accedere con un sentierino a spirale (310 m).

Il panorama che si apre da qui abbraccia completamente l’arco montuoso che si estende a settentrione: dal Monte Prat al Brancot e dal Plauris alla piccola elevazione del Faeit.

Dal punto più elevato della nostra escursione possiamo ridiscendere al piazzale della Chiesa di San Giorgio e quindi al bivio con Via del Capitelli dove si imbocca una mulattiera lastricata e scivolosa che ci porta fino alla strada asfaltata che va seguita a destra. Dopo essere passati davanti alla Chiesa di Santa Maria ad Nives si prosegue per via Tagliamento fino ad un cancello che consente l’accesso al Parco della Colonia. Il segnavia ci porta a costeggiare il campo di calcio oltre il quale si svolta a sinistra verso un grande terrapieno erboso. Arrivati alla deviazione che porta alle pendici del Colle di San Rocco, noi abbandoniamo il sentiero Cai 720 e  proseguiamo diritti per strada di terra battuta fino al parcheggio dove ci si ricongiunge con il sentiero CAI 720 che scende da Chiesa di San Rocco.

Non rimane altro che seguire attentamente i segnavia che ci ricondurranno alle case di Osoppo e quindi al punto di partenza per strada asfaltata.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 00431 364288
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Category : Nordic Walking


  • 0

Capi tecnici scontati per la Socia e il Socio CAI Cervignano da KIWISPORT

Cara socia/socio,

I negozi KIWI SPORT offrono ai soci del CAI di Cervignano uno sconto del 10% su tutti gli acquisti.

Mostra la foto della PARTNER CARD qui allegata, assieme alla tessera sociale e avrai lo sconto!

L’abbigliamento è marchiato ALPENPLUS e viene prodotto è confezionato a Belluno.

Visita i negozi di Tavagnacco o Tolmezzo, troverai un rapporto qualità/prezzo imbattibile!

Visita il sito cliccando su questo link: https://www.alpenplus.it/it/

Scarica la PARTNER CARD in pdf

Sperando di fare cosa gradita, il Direttivo.

Category : Senza categoria


Calendario articoli pubblicati

Ottobre 2022
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Le nostre immagini

Calendario eventi

Novembre 2022
LMMGVSD
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30     
« Ott   Dic »

Informazioni contatto

0431 364288

info@caicervignano.it

Ogni giovedì dalle ore 21.00 alle 22:30

Via Garibaldi, 18 - 33052 CERVIGNANO DEL FRIULI (UD)