Author Archives: Stefano Viotto

Monte Ciprnik (1736 m) da Kranjska Gora – Alpi Giulie slovene – Domenica 19 maggio 2024

Tags :

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo:  – Escursionismo
Capo escursione:

Tiziana Delpiccolo

Ciro Cargnelli

Contatti:

0432 985881

338 3821476

Grado di difficoltà: E-EE Escursionisti – Escursionisti esperti
Tempi: 7:00 ore circa
Dislivello: Salita 1.000 m Discesa: 1.000 m
Itinerario:

Traversata Kranjska Gora – M. Vitranc e Ciprnik; Riserva Naturale Zelenci

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 065
Sentieri CAI:

Sent. Slovenia n. 20 – n. 13

Interesse:

Naturalistico, paesaggistico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI RISPETTARE LE NOTE OPERATIVE.

Buoni scarponi con suola scolpita, bastoncini; abbigliamento da media montagna. Portare un documento valido per l’espatrio.

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 6:20. Partenza ore 6:30
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 19:00 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI

COME DI CONSUETO, PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO PASSARE IN SEDE IL GIOVEDÌ PRIMA DELL’ESCURSIONE PER ISCRIVERSI O CONTATTARE PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE

Relazione:

Dopo aver lasciato un numero opportuno di auto alla partenza ed all’arrivo, ci incamminiamo dall’ampio park poco dopo il centro di Kranjska Gora (800 m), sulla strada per il passo Vrsic. Attraversata la strada e percorso un centinaio di metri, prendiamo il sentiero a destra segnalato da una tabella gialla, indicante N.20-Vitranc. La dorsale del Vitranc si risale a diagonali alternate a qualche strappo ripido, fra larici ed abeti: alcuni punti offrono interessanti scorci sulla selvaggia valle sottostante della Mala Pisnica; il tracciato non è difficile, ma presenta alcuni tratti dirupati e un po’esposti. In seguito, passiamo sul lato nord, con alcune finestre panoramiche che si aprono su Kranjska Gora; in corrispondenza di un bivio segnalato per il Bedancev Dom, noi risaliamo verso sinistra faticosamente su fondo scivoloso e in poco più di 2 ore arriviamo al nuovissimo Moicin Dom (1.555 m) poco lontano dal vecchio e dismesso Dom Na Vitrancu. Purtroppo questa zona, dove c’era fin poco tempo fa una bella radura verde in mezzo agli abeti, è stata rovinata per far spazio all’arrivo di una pista sci, nonché per la costruzione del nuovo rifugio.

Dopo una breve sosta si prosegue per 1 ora con saliscendi ancora sulla dorsale del Vitranc (quota massima 1.634 m) oltrepassando alcuni schianti di alberi, fino al bivio ben segnalato da dove si prende il sentiero per la salita alla nostra meta. Ripido ma non difficile, in mezzo ai pini mughi, troviamo qualche punto facilitato da corrimano e staffe metalliche: in circa 40 min. siamo sulla cima, pulpito di eccellenza per ammirare le severe e splendide Alpi Giulie slovene; verso nord invece la vista si apre sul rilassante verde della valle della Sava Dolinka, ai piedi delle Karavanke.

Ritornati al bivio precedente, si scende ora verso NW verso Planica, per il sent. 13 in un bel bosco inizialmente a faggeta, ripido e con qualche albero schiantato a ostacolare il percorso; un piccolo terrazzo panoramico a quota 1.280 m offre una ampia vista sui trampolini del Centro di salto con gli sci, ma anche sul dirupato versante nord del Ciprnik. Giunti a valle passiamo di fianco all’albergo Dom v Planici e poi per rilassanti prati fino alla pista ciclabile e alla Riserva Naturale Zelenci: merita visitare brevemente il laghetto verde/blu, davvero particolare, situato al centro di una zona umida.

Oltre il laghetto giungiamo al parcheggio dove troveremo le auto lasciate al mattino. Per la discesa avremo impiegato circa 3:00 ore.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 00431 364288
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it


ANELLO MONTE FESTA DALLA SELLA DI INTERNEPPO – Domenica 7 aprile 2024

Tags :

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo:  – Escursionismo
Capo escursione:

Francesco Cretì

Paola Facchinetti

Contatti:

347 3444473

333 3664022

Grado di difficoltà: E Escursionistico
Tempi:

5 ore – escluse soste

Dislivello: Salita 700 m

Circa 11 km

Discesa: 700 m
Itinerario:

Risalendo da Udine la strada statale n.13 Pontebbana in direzione nord, giunti alla altezza del secondo semaforo di Gemona del Friuli si prende a sinistra. Superato il ponte sul Tagliamento si seguono a destra le indicazioni per Bordano. La strada oltrepassa il paese con i suoi famosi murales dedicati alle farfalle e sale poi verso Interneppo. Giunti al punto più alto si devia a destra lungo la stretta rotabile asfaltata del San Simeone arrivando in breve al bivio con la pista che sale al monte Festa. Qui, presso il cartello con il divieto di transito, si può parcheggiare comodamente (362 m).

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 020Tel. 112 ( numero unico di emergenza Italia )
Sentieri CAI:

838 e strada forestale

Interesse:

Paesaggistico – Storico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI RISPETTARE LE NOTE OPERATIVE. Adeguato per escursioni in montagna: scarponi da trekking, bastoncini e giacca a vento, eventuale ricambio da lasciare in auto.
Crema solare e spray anti zecche.
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7:00
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17:00
Mezzo: Auto propria
Allegati:
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI

COME DI CONSUETO, PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO PASSARE IN SEDE IL GIOVEDÌ PRIMA DELL’ESCURSIONE PER ISCRIVERSI O CONTATTARE PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE

Relazione:

Sella di Interneppo (362 m), sent. CAI 838, incrocio con il sentiero per il monte San Simeone (571 m), sella tra il monte Festa e il monte San Simeone (980 m), cima del monte Festa (1065 m) e ritorno per strada forestale.
Il monte Festa si trova nelle Prealpi Carniche, sulla propaggine occidentale del monte San Simeone e si trova tra il fiume Tagliamento e il lago di Cavazzo, detto anche lago dei 3 Comuni, considerato il più esteso lago naturale del Friuli Venezia Giulia.

Sulla cima si trova un forte militare, costruito agli inizi del Novecento, una delle più suggestive opere militari legate alla Grande Guerra presenti in Friuli Venezia Giulia.
Il forte venne costruito tra il 1910 e il 1914, tenendo in grande considerazione la morfologia naturale della montagna, in modo da sfruttarne le caratteristiche e rendere l’opera unica dal punto di vista dell’efficienza difensiva.
Posto nelle retrovie durante la Grande Guerra, non venne coinvolto direttamente durante i primi ventotto mesi del conflitto, ma divenne protagonista dopo la disfatta di Caporetto (Dodicesima battaglia dell’Isonzo) quando, grazie alla sua importante posizione, tenne in scacco la calata Austro-Tedesca dalle valli del Tagliamento e del Fella.
Il 26 ottobre 1917, mentre le truppe italiane si ritiravano disordinatamente dal fronte isontino, il capitano Riccardo Noel Winderling, su ordine del Comando del XII° Corpo d’Armata italiano, lasciò la sua batteria d’artiglieria sul Pal Piccolo e prese il comando del forte di monte Festa. Alla testa della sua guarnigione, composta da circa 200 uomini e varie batterie d’artiglieria, tra i quali otto cannoni a lunga gittata (149 mm), il capitano riuscì a bloccare, per diversi giorni, le travolgenti truppe austriache del generale Krauss, tenendo sotto tiro l’intero traffico nelle valli del Fella e del Tagliamento. In questo modo consentì alle truppe italiane della divisione Zona Carnia di arretrare dalla provvisoria Linea del Tagliamento e proseguire in sicurezza verso le linee di estrema difesa realizzate sul Piave e sul monte Grappa. Il giorno 7 novembre la guarnigione del forte fece saltare le bocche da fuoco e, rifiutato l’invito alla resa, si apprestò alla ritirata. Per la difesa del forte il capitano ottenne la Medaglia d’Argento al Valor Militare.

Dal punto di vista naturalistico si calpesteranno rocce calcaree giurassiche, di circa 200 milioni di anni, e attraverseremo boschi ricchi di carpini, frassini, sorbo selvatico, noccioli.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 00431 364288
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it


Anello di Sant’Andrea e Calla (780 m) da Stupizza a Montefosca – Domenica 17 marzo 2024

Tags :

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo:  – Escursionismo
Capo escursione:

Stefano Viotto

Tiziana Delpiccolo

Contatti:

340 6790 399

0432 985881

Grado di difficoltà: E Escursionistico
Tempi:

anello 6:30 ore circa

Dislivello: Salita 1000 m Discesa: 1000 m
Itinerario:

Escursione ad anello nelle Valli del Natisone da Stupizza (203 m) a Erbezzo (505 m), alla dorsale tra il Monte Uorsic (966 m) e il Monte Craguenza (948 m), discesa a Montefosca (707 m) e rientro a Stupizza.

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 041
Sentieri CAI:

723, 752 e 735

Interesse:

Paesaggistico, storico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI RISPETTARE LE NOTE OPERATIVE.
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7:00. Partenza ore 7:15
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17:30 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI

COME DI CONSUETO, PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO PASSARE IN SEDE IL GIOVEDÌ PRIMA DELL’ESCURSIONE PER ISCRIVERSI O CONTATTARE PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE

Relazione:

Da Cividale si raggiunge Stupizza (203 m) dove si parcheggia presso il fiume Natisone.

Si attraversa il fiume su un ponte in legno (assi sdrucciolevoli, attenzione a qualcuna danneggiata) e si svolta a sinistra lungo il sentiero 723 che costeggia la riva destra del Natisone prestando attenzione a qualche tratto esposto; si sale nel bosco misto superando un breve tratto roccioso aiutati da un cavo metallico (cassetta con il libro el sentiero).

Dopo aver risalito il versante boscoso il pendio si fa più dolce e in breve si giunge ad una radura presso l’abitato di Erbezzo (505 m); superato il paese il sentiero volge a destra salendo ripido nel bosco fino all’agglomerato di Goregna Vas, caratterizzato da un pendio prativo disseminato di covoni di fieno.

Rientrati nel bosco, per un bel sentiero con scalini in pietra delimitato da enormi tigli, si raggiunge in breve tempo la dorsale nei pressi della chiesa di Sant’Andrea (797 m).

Si prende il sentiero 752 dietro il campanile e si attraversa un bosco misto di castagni, faggi e ciliegi selvatici fino a raggiungere l’abitato di Calla (780 m). Superata una bella cappelletta si sale il pendio fino al Monte Uorsic (966 m), punto più alto dell’itinerario, caratterizzato dai resti di vari bunker abbandonati e dal quale si gode una bella vista sul Monte Joanaz, sul Massiccio del Canin e sulle cime slovene.

Si riprende il sentiero a ritroso fino alla chiesa di Sant’Andrea dove si riprende il sentiero a sinistra che scende rapidamente nella vallata del torrente Bodrino (attenzione al terreno scivoloso). Superato il torrente su un ponte di pietra si risale il versante opposto fino all’abitato di Montefosca (707 m) dove risiedono solo una ventina di persone. Superato il paese si procede lungo il sentiero 735 che scende rapidamente fino al parcheggio.

Ritrovo a Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18 – ore 7:00. Partenza ore 7:15.

Secondo ritrovo parcheggio a Ponte San Quirino ore 8:00

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 00431 364288
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it


Calendario articoli pubblicati

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Calendario eventi

Giugno 2024
LMMGVSD
      1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
« Mag   Lug »

Informazioni contatto

0431 364288

info@caicervignano.it

Ogni giovedì dalle ore 21.00 alle 22:30

Via Garibaldi, 18 - 33052 CERVIGNANO DEL FRIULI (UD)