Author Archives: Livio Sverzut

  • 0

Sentiero attrezzato Re di Sassonia – Mercoledì 20 giugno 2018

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  Ο – Escursionismo  – Escursionismo Seniores
Capo escursione: Tolloi Lucio Sverzut Livio  
Contatti: 335 1341217 328 3617576  
Grado di difficoltà: EEA Per escursionisti esperti, con attrezzatura
Tempi: anello 4.30 ore
Dislivello: 680 m km 8,5  
Itinerario: Dal parcheggio campo sportivo di Forni Avoltri per strada forestale fino alla Casera e ritorno per lo stesso itinerario di salita
Cartografia: Tabacco 019
Sentieri CAI: CAI 625 – 629 – 650
Interesse: Paesaggistico, storico
Equipaggiamento / attrezzatura Set da ferrata e casco
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7. Partenza ore 7.15
Luogo e ora di arrivo:  
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

Dal ponte sul torrente Rio Bianco, sulla strada che da Cave del Predil conduce a Sella Nevea, si imbocca il sentiero CAI 625 diretto al bivacco Brunner. Il sentiero sale costeggiando il Rio Bianco con le sue magnifiche pozze d’acqua che lo rendono particolarmente suggestivo. A circa tre quarti della salita si attraversa il greto del torrente portandosi sull’altro lato della valle ricoperta da una rigogliosa faggeta. Il sentiero continua a salire con alcuni ampi tornanti fino a giungere davanti al bivacco Brunner. Nato come casa di caccia agli inizi del 1900, faceva parte di una serie di dodici case di caccia, di proprietà di Federico Augusto III ultimo Re di Sassonia, all’interno della foresta di Tarvisio. Buon alpinista ed appassionato cacciatore il re di Sassonia ottenne in affitto dal Fondo di Religione Carinziano un ampio territorio della foresta (circa 19.000 ettari) ove almeno tre volte l’anno soggiornava per la caccia. Dalla sinistra del bivacco inizia il sentiero CAI 629 intitolato al re di Sassonia che attraversa un ultimo tratto di bosco prima di passare rasente le pareti delle Cime di Rio Bianco, lungo una cengetta detritica. Da qui iniziano le attrezzature che accompagnano i tratti più esposti e specialmente il tratto interessato dalla frana che nel 2012 ha interrotto bruscamente la percorribilità, ripristinata nel 2016. Tutto il percorso richiede all’escursionista la massima concentrazione ed un passo molto sicuro. Il sentiero prosegue su tratti rocciosi alternati a innumerevoli saliscendi tra mughi e larici sempre assistito, nei tratti più esposti, da cavi, staffe e rinforzi in legno. Oltrepassato un piccolo rio si scende un aereo sperone di mughi per imboccare un canalino friabile che si risale con l’aiuto della corda fissa. Poco dopo si incontra il sentiero CAI 650 che scende dal rifugio Corsi e che noi utilizziamo per la discesa fino alla macchina.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :

Category : Gruppo Seniores


  • 0
Bivacco Spagnolli

Mercoledì 16 maggio 2018 – Bivacco SPAGNOLLI 2047 m

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  Ο – Escursionismo  – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

Gonella Giuseppe

Sverzut Livio

 
Contatti:

340 5566052

328 3617576

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico 
Tempi:

salita ore 2,45 discesa ore 1,45 – (soste escluse)

Dislivello: 870 m, distanza 13 km
Itinerario:

Raggiunta Casera Razzo si prosegue lungo la strada che conduce a Laggio di Cadore per ulteriori 10 Km fino a località Fienili del Rin (1183 m) ove si lascia l’auto.

Cartografia:

Tabacco 016

Sentieri CAI:  
Interesse:  
Equipaggiamento / attrezzatura  
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza:  
Luogo e ora di arrivo:  
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

Raggiunta Casera Razzo si prosegue lungo la strada che conduce a Laggio di Cadore per ulteriori 10 Km fino a località Fienili del Rin (1183 m) ove si lascia l’auto. Da qui parte una strada sterrata costruita durante la Grande Guerra per servire varie postazioni di trincea, ma specialmente la teleferica di servizio al forte del Monte Tudaio. Nello stesso periodo fu costruita dal Genio militare una baracca di servizio a quelle postazioni di trincea a quota m. 2047 dove, agli inizi degli anni ’80, fu costruito l’attuale bivacco Spagnoli.

Bivacco Spagnolli

Si prende, poi, la strada sterrata con segnavia CAI 330, che sale prima con buona pendenza per poi addolcirsi fino ad incontrare un primo bivio (m. 1417 ore 0,40 dalla partenza) con indicazione bivacco Spagnolli. Si segue il sentiero indicato dalla segnaletica fino ad incontrare, poco sopra quota m. 1550, il bivio con il sentiero 328. Si continua verso destra tagliando il pendio a mezza costa, in leggera salita, fino a giungere a Forcella Starezza (1697 m) dove si incontra l’ultimo bivio. Si segue, quindi, il sentiero di sinistra, che porta il segnavia 330, e che, pian piano, esce dal bosco e lascia spazio ad una distesa di mughi. Con una serie di sei tornanti il sentiero ci conduce al bivacco posto in una posizione molto panoramica con vista sul lago di Centro Cadore, sulle Marmarole, sul Cridola, sui Monfalconi, sul Miaron e sulle cime friulane.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :

Category : Gruppo Seniores


  • 0

Monte Krasji Vrh – 24 aprile 2018

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  Ο – Escursionismo  – Escursionismo Seniores
Capo escursione: Bertoldi Gianni Gaspardis Andrea  
Contatti: 349 4574958 335 8387161  
Grado di difficoltà: E Escursionistico 
Tempi: salita ore 3.00 discesa ore 2.00
Dislivello: Salita 1000 m Discesa:  m  
Itinerario:  
Cartografia: Krn Kobarid – Tolmin 1:25 000
Sentieri CAI:  Locali
Interesse: Paesaggistico, storico della Grande Guerra
Equipaggiamento / attrezzatura  
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7.00 Palmanova parcheggio Camel ore 7,15.
Luogo e ora di arrivo:  
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

L’odierna escursione, già prevista in calendario per il giorno 25 aprile, è stata anticipata al giorno 24 per motivi organizzativi.

Situato nel gruppo del Monte Nero il Krasji Vrh è la cima più alta di una catena che comprende, tra l’altro, il Polonig, il Pirovo e il Veliki Vrh. Durante la Grande Guerra questa catena ha rivestito una vitale importanza strategica per la difesa di Caporetto e delle linee italiane sul Monte Nero, ne sono prova le evidentissime tracce che qui si incontrano ad ogni passo. Dalla cima si potrà osservare tutta l’area di guerra in cui ebbe inizio la disfatta di Caporetto. Giunti a Caporetto si sale a Drežniza, prima, e alla frazione di Drežniške Ravne, poi, superata la quale si lascia l’auto. Il percorso inizia seguendo il sentiero che taglia i tornanti della strada militare con un percorso piuttosto ripido. A quota 1280 m si incontra il bivio che conduce alla Planina Zaprikaj che si lascia sulla destra e si prosegue diritti fino al successivo bivio a quota 1500 m. Qui si segue il sentiero di destra (con indicazione Snežna Jama) che, attraversando le fortificazioni che si trovano sotto il crinale del monte, ci conduce in cima. Per la discesa si seguirà il sentiero che dalla cresta scende lungo il versante in direzione di Caporetto e che, in circa mezz’ora, ci riconduce al bivio che chiude l’anello di cima. Da qui si percorre il sentiero fatto in salita che ci porta alle auto.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :

Category : Gruppo Seniores


Calendario articoli pubblicati

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Le nostre immagini