Author Archives: CAICervignano

  • 0

Domenica 16 dicembre 2018 – Mali e Veliki VRŠE (930 m)

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione: Bruno Mocenigo Gianni Antonelli  
Contatti: 349 2129 881 393 0465 878  
Grado di difficoltà: T Turistico  
Tempi:  3,30 ore circa andata e ritorno
Dislivello: Salita 300 m Discesa: 300 m  
Itinerario: Il Mali e Veliki Vrše (930 m) sono due alture poste all’estremità nord dell’altipiano di Trnova, sopra il paese di Čepovan e a breve distanza da Nova Gorica.
Cartografia:  
Sentieri CAI: Sentieri non numerati e strade forestali
Interesse:  Storico e naturalistico.
Equipaggiamento / attrezzatura  
Pranzo: Al termine classica “jota slovena” in agriturismo a Lokve (è necessaria la prenotazione).
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7:15. Partenza ore 7:30
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17:30 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

L’escursione che conclude l’anno si svolge come di consueto in territorio sloveno e precisamente sul Mali e Veliki Vrše, rilievi situati all’estremità nord dell’Altipiano di Trnova, a breve distanza dalla città di Nova Gorica. Superato il paese di Čepovan si abbandona la strada principale svoltando a destra in direzione di alcune case sparse. Proseguendo su sterrato si giunge dopo 1 km ad una sella dove si parcheggia. Il percorso segue una strada forestale in leggera salita fino ad un evidente bivio con punto panoramico sulle Alpi Giulie e, foschie permettendo, sul Triglav. Voltando a destra si percorre una vecchia strada forestale al termine della quale si procede lungo un sentiero che si percorre fino a superare un recinto per gli animali. Ora il percorso presenta un susseguirsi di radure e praterie in continuo saliscendi, dove d’estate pascola del bestiame. Superati dei ruderi si punta a destra lungo uno spallone erboso seguendo i nastri bianco/rossi (attentamente posizionati da Bruno). Giunti ad un prato completamente recintato si procede ancora lungo il sentiero fino ad incrociare una strada forestale che si percorre in leggera discesa fino ad un evidente segno circolare bianco/rosso, superato il quale si arriverà ad un monumento dedicato ai partigiani della seconda guerra mondiale, eretto nei pressi dei ruderi di un ospedale militare. Oramai la meta è vicina ed in breve si giunge al Mali Vrše (808 m). Il rientro avviene sulla medesimo percorso dell’andata con breve variante nella parte conclusiva, lungo strade forestali con ampia visuale sulla vallata di Čepovan. Al termine dell’escursione trasferimento con le autovetture fino al villaggio di Lokve dove ci sarà un allegro momento conviviale a base di “jota slovena” in agriturismo. Coloro che si fermeranno a pranzo devono avvisare i capigita entro giovedì sera per prenotare il locale.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 


  • 0

Monte Vas (1964 m) – 3 giugno 2018

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione: Ciro Cargnelli Lorenzo Cristiani  
Contatti: 338 3821476 340 5779506  
Grado di difficoltà: E Escursionistico
Tempi: 6.00 ore circa
Dislivello: Salita 850 m Discesa: 875 m  
Itinerario: Anello di Casera Monte dei buoi (1723 m) da Sigilletto (1221 m) e salita al M. Vas (1964 m). Discesa a Frassenetto (1089 m) attraverso Casera Vas.
Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 01
Sentieri CAI: Alcuni tratti del n. 169
Interesse: Paesaggistico e naturalistico
Equipaggiamento / attrezzatura Normale equipaggiamento estivo. Utili berretto, crema e occhiali da sole, bastoncini per la salita al Monte Vas, prodotti anti zecche, binocolo per osservare le marmotte.
Pranzo: Al sacco, non ci sono sorgenti d’acqua sicure lungo il percorso.
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7. Altri punti da concordare.
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17,00 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

La partenza avviene da Sigilletto (1.221 m), frazione di Forni Avoltri, dove si lasciano le automobili in un comodo parcheggio. Procedendo fra le case, oltre il parcheggio, si imbocca a sx il sentiero C.A.I. n. 169, una bella mulattiera che in breve si innesta sulla pista forestale che serve la cava. Superata la cava, si raggiunge un crocevia dove è consigliabile abbandonare temporaneamente la pista forestale per procedere diritti all’interno di un bel bosco. In corrispondenza di un’ancona si riprende la pista e si procede sempre all’ombra di abeti rossi e più in alto di numerosi larici. Prendendo quota, le sempre più ampie schiarite della vegetazione consentono la visuale delle cime che circondano la nostra vallata, sulla sx quelle che ci separano dalla Val Pesarina e sulla dx quelle dei monti di Volaia. Al centro, invece, si innalza isolato il M. Vas con il suo impervio cocuzzolo. Incontreremo anche una curiosa lingua di neve all’interno della quale scorre un ruscelletto con una particolare vegetazione. Lasciando sulla sx la deviazione per Casera Vas, che seguiremo al ritorno, e sulla dx quella per Cima Ombladet, in breve la mulattiera termina sul ripiano di Casera Monte dei buoi (1.723 m, ore 1:45 circa). La casera, ben ristrutturata e accogliente, si trova abbarbicata su alcuni poderosi macigni e domina tutta la valle sottostante. Solo i più esperti potranno da qui affrontare, dopo un traverso che porta ad aggirare la cima verso ovest, il ripido e disagevole sentiero, percorribile solo con terreno asciutto, che conduce in vetta al M. Vas (1.964 m) in poco più di mezz’ora dalla casera. Lo sforzo sarà però indiscutibilmente remunerato dalla splendida vista a 360° sulle numerose vette e vallate circostanti. Ricongiunti con coloro che hanno eventualmente atteso in casera, in compagnia delle numerose marmotte stanziali in questa zona che avranno senz’altro avuto modo di osservare, scenderemo al bivio per Casera Vas per chiudere l’anello passando prima per la Casera (eventuale sosta pranzo), continuando fino al Poz di Suttul e poi scendendo per una comoda pista forestale, ombreggiata da una vegetazione particolarmente rigogliosa di splendidi abeti che formano un bosco molto curato e piacevole da attraversare, che sfocia a Frassenetto (1.089 m), in corrispondenza del parcheggio dove al mattino avevamo lasciato un’automobile.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :


  • 0

Ferrata della Memoria – Val Vajont – 6 maggio 2018

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione: Pontel Giacomo Baruzzo Mauro  
Contatti: 329 1663218 338 8559872  
Grado di difficoltà: EEA-PD Ferrata poco difficile
Tempi: Salita 2 ore circa. Discesa 1 ora
Dislivello: Salita 300 m Discesa: 300 m  
Itinerario: Dalla diga del Vajont (744 m). Salita lungo la ferrata della memoria, rientro lungo il troi de sant’Antoni.
Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 021
Sentieri CAI:  380, 395/A, Troi De Sant’Antoni
Interesse: Paesaggistico, storico
Equipaggiamento / attrezzatura Scarponi adatti a brevi tratti di arrampicata, torcia elettrica (fondamentale), consigliati pantaloni lunghi e guanti senza dita. Casco, imbrago, kit da ferrata disponibili presso la sede
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7.30. Partenza ore 7.45.
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17,30 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

Dopo longarone si prosegue sulla statale 251 che sale verso Erto. Al sesto tornante si stacca una stradina sula destra che termina in un piccolo parcheggio dove si lascia la macchina e da dove parte il sentiero che porta all’attaco della ferrata. Inizialmente si scende per pochi metri fino a raggiungere lo spettacolare canale che portava l’acqua dal torrente Vajont alla cartiera di Codissago già alla fine del 1800. Si prosegue questo canale fino a trovare una prima galleria di circa 150 m per la quale è consigliato portarsi una pila, seguita da una cengia con cavo da via ferrata, un’altra galleria più corta e altra cengia più esposta ma facile. Al termine della cengia si raggiunge una scala che segna l’inizio della parte difficile con i primi 100 metri impegnativi ed esposti. Subito dopo, grazie anche a una serie di cenge, si arriva a uno spallone intermedio, dove inizia la seconda parte verticale sempre difficile ma meno impegnativa della precedente, per poi proseguire su un’altra cengia verso destra e una seconda scala. Da qui si segue un intaglio nella roccia, costruito per far passare la teleferica che da Longarone portava i calcestruzzi fino sul cantiere della diga del Vajont, da dove in 5 minuti si arriva al sentiero 380 Passiamo sotto la “porta” di cemento e risaliamo per sentierino nel bosco, segni assenti) – Bivio q.835 (Innesto su sentiero CAI “Troi de Moliesa”, a destra si scende verso la diga, andiamo a sinistra per Casso, cartelli) – Bivio q.920 (Cartelli e innesto sul sentiero “Troi de Sant’Antoni”, a destra c’è il CAI 380 per Casso, andiamo a sinistra in direzione di Codissago e del CAI 395/A) – Sant’Antonio q.817 (Piccola cappella nel bosco in stato di abbandono) – Bivio q.765 (Innesto sul CAI 395/A, cartelli: dritto prosegue in falsopiano, noi lo teniamo a sinistra in ripida discesa) – SP. 251 q.668 (Finita la ripida discesa nel bosco ci innestiamo su una carrozzabile, a pochi metri c’è la strada asfaltata SP. 251 che prendiamo in discesa) – Deviazione q.625 (Lasciamo la SP.251 che curva a U e continua a scendere, andiamo dritto sulla stradina che termina al parcheggio) – Parcheggio q.615.

  • Carta Tabacco 021;
  • Dislivello 300 mt;
  • Lunghezza 600 m;
  • Tempo indicativo 2:00 ore salita più discesa (senza soste);

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :

Category : Senza categoria


Calendario articoli pubblicati

Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Le nostre immagini