Author Archives: Stefano Viotto

  • 0

Creta di Collina (2689 m) e Creta della Chianevate (2769 m) – Domenica 19 settembre 2021

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

BARUZZO MAURO

BARBAROTTO CHRISTIAN

 
Contatti:

338 855 9872

347 818 8094

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico  
Tempi: totali 7:00-8:00 ore
Dislivello: Salita 1.450 m Discesa: 1.450 m  
Itinerario:

Salita alla Creta di Collina (sentiero attrezzato e molto esposto) e alla Creta della Chianevate (sentiero poco attrezzato e molto esposto) dal passo di Monte Croce Carnico  – Alpi Carniche

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 09
Sentieri CAI:

SALITA 146-171           DISCESA 171-146

Interesse:

Paesaggistico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI AVERE CON SE MASCHERINA E GEL DISINFETTANTE (dispositivi DPI).

Abbigliamento da montagna estivo e autunnale/scarponi/bastoncini

SET DA FERRATA + IMBRAGO + CASCHETTO

Pranzo:

Al sacco con molta acqua visto il notevole dislivello e l’esposizione solare di tutta l’escursione

Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 5:45. Partenza ore 6:00
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 18:30 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI IN EMERGENZA COVID-19

I partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro inerente all’utilizzo dei dispositivi DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale. I partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione responsabili dell’attuazione delle misure anticovid durante l’escursione.

I partecipanti si impegnano a COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL MODULO DI DICHIARAZIONE E DI CONSEGNARLO AI CAPI-ESCURSIONE PRIMA DELL’INIZIO DELL’ESCURSIONE STESSA.

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

– se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina e gel disinfettante) e di quant’altro indicato dai capi-escursione;

– se è soggetto a quarantena, se è a conoscenza di essere stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone positive o se non è in grado di certificare di avere una temperatura corporea inferiore a 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19.

Durante l’escursione i partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente il distanziamento di 2 metri tra le persone.

Sono vietati scambi di attrezzature, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare.

E’ responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso al fine di evitare inquinamento a danno di tutti ma in specialmodo delle popolazioni montane.

IL NUMERO DI PARTECIPANTI E’ LIMITATO A 20 PERSONE PIU’ I CAPI-ESCURSIONE. PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO ISCRIVERSI CONTATTANDO PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE TELEFONICAMENTE

Relazione:

Indicazioni stradali.

Usciti dall’autostrada ad Amaro si percorre  la statale n. 52 in direzione Tolmezzo, Timau, fino al parcheggio di Passo Monte Croce Carnico.

Escursione

Dal parcheggio si imbocca il sentiero CAI 146 (all’inizio una mulattiera) che sale lungo la dorsale su terreno reso disagevole dalle rocce affioranti.

Giunti ad un successivo bivio segnalato (1870 m) si lascia a sinistra il sentiero che scende verso la “Scaletta” per salire invece, a piccole svolte, il pendio prativo dello “Stivale”. Poco dopo fanno la loro comparsa le prime attrezzature, costituite da un cavo metallico che protegge i tratti più esposti. Si prosegue sul sentiero CAI  171 fino ad un bivio a ridosso di un piccolo bivacco, dopo il quale si procede a destra verso la Creta di Collina (2689 m).

Dalla minuscola struttura si può subito dare un’occhiata alla prosecuzione dell’itinerario, riservata comunque ad Escursionisti esperti e motivati, avvezzi a percorsi aerei moderatamente esposti, dove necessita piede fermo e la consapevolezza di incontrare tratti con passaggi di I° e II°. Per raggiungere la Creta della Chianevate (2769 m) ci sono ancora circa 180 m di dislivello lungo un sentiero molto esposto e poco attrezzato.

Per il rientro si segue a ritroso il percorso fatto in salita. Buona Escursione a tutti.

2020 20-60

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :


  • 0

Domenica 25 luglio 2021 – Cima di Ombladet (2255 m)

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

Tiziana Delpiccolo

Ciro Cargnelli

 
Contatti:

0432 985881

338 3821476

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico  
Tempi:

salita  ore 3:15 – discesa ore 2:30

Dislivello: Salita 1070 m Discesa: 1070 m  
Itinerario:

Salita alla CIMA DI OMBLADET (2255 m) da Collinetta per il recente sentiero n. 160 “delle portatrici carniche”

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 01
Sentieri CAI: 160
Interesse:

Paesaggistico, storico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI AVERE CON SE MASCHERINA E GEL DISINFETTANTE (dispositivi DPI) 

oltre alla normale attrezzatura di escursionismo – abbigliamento da media montagna

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore Partenza ore 7:00
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17:00 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI IN EMERGENZA COVID-19  

I partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro inerente all’utilizzo dei dispositivi DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale. I partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione responsabili dell’attuazione delle misure anticovid durante l’escursione.

I partecipanti si impegnano a COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL MODULO DI DICHIARAZIONE E DI CONSEGNARLO AI CAPI-ESCURSIONE PRIMA DELL’INIZIO DELL’ESCURSIONE STESSA.

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

– se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina e gel disinfettante) e di quant’altro indicato dai capi-escursione;

– se è soggetto a quarantena, se è a conoscenza di essere stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone positive o se non è in grado di certificare di avere una temperatura corporea inferiore a 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19.

Durante l’escursione i partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente il distanziamento di 2 metri tra le persone.

Sono vietati scambi di attrezzature, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare.

E’ responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso al fine di evitare inquinamento a danno di tutti ma in specialmodo delle popolazioni montane.

IL NUMERO DI PARTECIPANTI E’ LIMITATO A 20 PERSONE PIU’ I CAPI-ESCURSIONE. PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO ISCRIVERSI CONTATTANDO PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE TELEFONICAMENTE

Relazione:

Indicazioni stradali.

Usciti dall’autostrada ad Amaro si percorre  la statale n. 52 in direzione Tolmezzo, Villa Santina, Forni Avoltri, fino alla frazione di Collinetta. Piccolo parcheggio lato strada e qualche posto più sotto, nel centro della borgata.

Escursione

Il sentiero 160 parte proprio dalla strada principale, in corrispondenza dei gradini presso una casa con una piccola fontana sormontata da un aquilotto in pietra. Attraversato il pendio prativo a monte dell’abitato, entriamo nel bosco dove il sentiero (ex mulattera militare) inizia a salire a tornanti, intersecando più volte il vecchio tracciato su cui scendevano le slitte che trasportavano a valle il fieno. Dopo circa un’ora, usciti dal bosco, iniziamo a rimontare il crestone sud est, punteggiato ancora da qualche abete e sorbo degli uccellatori: a sinistra il vallone del rio Armentis, a destra del rio Collinetta.  Numerose in questa stagione le fioriture di gigli, arnica ed orchidee. A 1850 m si giunge alle terrazze di “Belvedere”, dove un tempo sorgeva una malga e poi la stazione intermedia della teleferica e baraccamenti militari, costruiti all’inizio della grande guerra, nel 1915, a supporto delle posizioni di Cima Ombladet e Sasso Nero.

Ombladet

Il sentiero ora si fa più ripido fino all’incrocio con il sent. 169 proveniente da est, a circa 2100 m. Poi il tratto terminale risale più dolcemente fra prati e roccette fino in vetta. Vista sul gruppo del Coglians, Crostis, zona di Bordaglia, e a sud verso Rigolato con la dorsale Chiampizzulon-Pleros-Creta della Fuina.

Discesa: per la via di salita.

2020 20-60

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 


  • 0

Anello della Val Alba dal rif. Vualt – Sentiero PALIS D’ARINT – Domenica 30 maggio 2021

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile   – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

Renato TAVERNA

Andrea GOAT

 
Contatti:

331 2095993

348 9017424

 
Grado di difficoltà: EE Per Escursionisti Esperti
Tempi:

salita ore 3:00 – discesa ore 2:30.

Dislivello: Salita 840 m Discesa: 840 m  
Itinerario:

Escursione ad anello. Traccia: Park Vualt (1083 m) – Rif. Vualt (1168 m) – Forcella Vualt (1282 m) – Sentiero “Palis d’Arint” – m.te Vualt (1725 m) – Cjasut dal Sior (1752 m) – Casermone di Vualt (1321 m) – Park Vualt .

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 018
Sentieri CAI:

425 – 422 – 428a – 450

Interesse:

Paesaggistico-storico

Equipaggiamento / attrezzatura E’ OBBLIGO DEI PARTECIPANTI AVERE CON SE MASCHERINA E GEL DISINFETTANTE (dispositivi DPI), attrezzatura di escursionismo da media montagna: vestiario adeguato – idonee calzature – bastoncini  ed eventuali imbrago, casco, piccozza e ramponi.
Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 7:15. Partenza ore 7:30
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 16:30 circa
Mezzo:

Veicoli propri – trasporto persone in conformità alle disposizioni anti-Covid

Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.
NOTE OPERATIVE PER I PARTECIPANTI IN EMERGENZA COVID-19

I partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant’altro inerente all’utilizzo dei dispositivi DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale. I partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente le indicazioni e le direttive impartite dai capi-escursione responsabili dell’attuazione delle misure anticovid durante l’escursione.

I partecipanti si impegnano a COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL MODULO DI DICHIARAZIONE E DI CONSEGNARLO AI CAPI-ESCURSIONE PRIMA DELL’INIZIO DELL’ESCURSIONE STESSA.

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

– se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina e gel disinfettante) e di quant’altro indicato dai capi-escursione;

– se è soggetto a quarantena, se è a conoscenza di essere stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone positive o se non è in grado di certificare di avere una temperatura corporea inferiore a 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19.

Durante l’escursione i partecipanti si impegnano a rispettare scrupolosamente il distanziamento di 2 metri tra le persone.

Sono vietati scambi di attrezzature, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare.

E’ responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso al fine di evitare inquinamento a danno di tutti ma in specialmodo delle popolazioni montane.

IL NUMERO DI PARTECIPANTI E’ LIMITATO A 20 PERSONE PIU’ I CAPI-ESCURSIONE. PER PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE E’ NECESSARIO ISCRIVERSI CONTATTANDO PERSONALMENTE UNO DEI CAPI-ESCURSIONE TELEFONICAMENTE

Relazione:

Avvicinamento

Usciti dall’autostrada a Gemona del Friuli si proseguirà lungo la “Pontebbana” sino a Carnia raggiungendo quindi Moggio Udinese. Si risalirà la val Aupa fin poco dopo il primo ponte dove si imboccherà a destra il bivio per Pradis. Si proseguirà infine  per Drentus e Virgulins facendo attenzione alla deviazione sulla destra per il rifugio Vualt  inoltrandosi fino al termine consentito alla circolazione dei veicoli dove si parcheggerà (1055 m).

Anello Val

Anello Val Alba

Descrizione

Proseguendo lungo la pista si porrà attenzione a seguire la scorciatoia che si stacca sulla sinistra (piccolo cartello su albero) che ci condurrà fino al rif. Vualt (1168 m) dove, eventualmente, ci si potrà rifornire d’acqua. Imboccato sulla sinistra il segnavia CAI 425 ci si inoltrerà nel bosco entrando poi in una bella faggeta che verrà risalita fino a forcella Vualt (1282 m). Da quest’ultima si prenderà sulla destra il sentiero Palis d’Arint – Cjasut dal Sior (cartello), contraddistinto da bolli azzurri.   Si salirà con pendenza sostenuta arrivando fino alle prime schiarite con visuale sul Masereit e sul borgo di Grauzaria. Ci si porterà sul versante della val Alba percorrendo una cengia, esaurita la quale, il sentiero risale un faticoso corridoio erboso fino ad un intaglio dal quale si avrà visuale sulla val Aupa, Creta Grauzaria e Sernio. Si seguirà brevemente la cresta riprendendo a salire lungo un ultimo ripido tratto fin sul suo versante sinistro in prossimità della cima sud del monte Vualt (1725 m – POSSIBILITA’ DI ACCUMULO NEVOSO) e dell’innesto del sentiero che giunge dal fondovalle. Dopo una sosta presso il vicino Cjasut dal Sior (1752 m) si scenderà lungo il sentiero CAI 422 fino al bivio con il sentiero CAI 425, che verrà seguito a destra ed in discesa verso il casermone di Vualt, raggiunto il  quale, si imboccheranno dapprima la scorciatoia per il rif. Vualt e da quest’ultimo quella verso il parcheggio tramite i sentieri 428a-450.

Avvertenze

— Si evidenzia che, dalla ricognizione del percorso dd. 09.05.2021, il breve tratto compreso tra la cima del m.te Vualt ed il Cjasut dal Sior è ingombro di neve per cui potrebbe rendersi necessario, per ovvi motivi di sicurezza, l’utilizzo di idonee attrezzature (ramponi, piccozza casco ed imbrago).

Termine ultimo per le iscrizioni: ore 12:00 del 28 maggio 2019.

2020 20-60

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :