Monthly Archives: Maggio 2019

  • 0

Mercoledì 5 giugno 2019 – Anello del Monte Colmajer (1858 m)

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile  Ο – Escursionismo  – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

CASTELLAN Ferdinando

FREGONESE Graziano

 
Contatti:

340 6680515

346 6853375

 
Grado di difficoltà: E Escursionistico
Tempi:

Tempo totale ore 4,30

Dislivello: Salita 600 m    
Itinerario:

Dopo Ampezzo si segue, a destra, la strada che sale al Passo Pura. Giunti al passo si parcheggia l’auto davanti il rifugio Tita Piaz.

Cartografia: Tabacco 02
Sentieri CAI: 238
Interesse:

Storico, paesaggistico e naturalistico

Equipaggiamento / attrezzatura

Equipaggiamento da media montagna e bastoncini

Pranzo: Al sacco
Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, ore 7,15

Palmanova parcheggio Caramel ore 7,30

Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18
Mezzo:

Mezzi propri

Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

Si imbocca la strada forestale che parte a fianco del rifugio Tita Piaz che si percorre per pochi metri abbandonandola per seguire il sentiero CAI 238. Il percorso sale in maniera decisa fino a raggiungere il limitare della radura di Casera Nauleni dove si incontra una traccia di sentiero che sale verso destra. Seguiamo questa traccia con pendenza moderata ed, in poco tempo, si raggiunge Forchia Nauleni (1703 m) dove ci si affaccia sulla Valle del Tagliamento e Ampezzo. Il sentiero piega, quindi, a sinistra prendendo a salire con pendenza decisa lungo una traccia scavata nel pendio erboso. Più in alto la pendenza si attenua con un traverso che raggiunge la cresta del Monte Colmaier e con una serie di modesti saliscendi ci porta in cima (1858 m).

Il sentiero prosegue in discesa sul versante opposto fino a raggiungere l’insellatura di Forchia Grande e, dopo una breve salita ed una successiva discesa, si raggiunge l’intaglio di Forchia Piccola.

Da qui si segue il sentiero di sinistra che scende a Casera Colmaier, bella struttura adibita a bivacco,  e quindi, sempre seguendo il sentiero, prima, e la strada forestale, poi, ambedue che portano il numero di segnavia 238, si raggiunge il ricovero Casera Nauleni. Dopo poche decine di metri dalla casera si incontra il bivio che chiude l’anello. Si segue il sentiero già percorso in salita che in breve ci riporta alla macchina.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :

Category : Gruppo Seniores


  • 0

Domenica 2 giugno 2019 – Anello del Monte Rodolino (1700 m)

Stemma CAI nazionale

CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”

Logo Alpinismo Giovanile
Gruppo: Ο – Alpinismo Giovanile – Escursionismo Ο – Escursionismo Seniores
Capo escursione:

Ciro Cargnelli

Andrea Goat

 
Contatti:

338 3821476

348 9017424

 
Grado di difficoltà: EE Per escursionisti esperti
Tempi:

7 ore circa

Dislivello: Salita 1.100 m Discesa: 1.200 m  
Itinerario:

Escursione ad anello da Poffabro (fraz. Taviela 600 m), salita a Forc. Racli (1.590 m) per il sent.n. 968, traversata per cresta toccando la cima del M. Rodolino (1.700 m) fino a Forc. Salinchieit (1.459 m), discesa per il sent.n. 973a a Poffabro (506 m)

Cartografia: Tabacco 1:25000 foglio 28
Sentieri CAI:

in salita n. 968 – in discesa n. 973a

Interesse:

Paesaggistico: splendida visuale sulle Dolomiti friulane e sulla pianura a perdita d’occhio lungo tutto il percorso di cresta.

Equipaggiamento / attrezzatura

Abbigliamento normale escursionistico estivo, berretto, occhiali e crema da sole. Giacca a vento impermeabile e giubbino in caso di vento in cresta o pioggia. Pedule. Bastoncini.

Pranzo:

Al sacco, non c’è acqua lungo il percorso.

Luogo e ora di partenza: Ritrovo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 6:30. Partenza ore 6:45
Luogo e ora di arrivo: Cervignano del Friuli sede CAI, via Garibaldi, 18, ore 17:30 circa
Mezzo: Auto propria
Allegati:  
Note: Sarà ad insindacabile giudizio degli Accompagnatori e/o capi escursione responsabili ogni variazione di itinerario e/o programma, in funzione delle condizioni atmosferiche, del percorso e della preparazione del gruppo.
L’iscrizione all’escursione è un atto volontario che ognuno deve compiere responsabilmente. Il partecipante deve essere consapevole che l’escursione, pur se guidata da accompagnatori e/o capi-escursione di provata esperienza pratica, presenta le difficoltà illustrate nella presente relazione; pertanto è tenuto a verificare da sé il proprio effettivo grado di preparazione a garanzia della personale incolumità. La responsabilità personale del partecipante perdura per l’intera escursione e non viene meno neppure nel caso in cui l’accompagnatore e/o capo escursione non abbia esercitato la facoltà di esclusione.

Relazione:

Lasciati i mezzi a Taviele si prosegue su asfalto fino alla strada sterrata, raggiungendo in breve la partenza poco evidente del sentiero 968 (due attacchi sulla destra a poca distanza l’uno dall’altro). All’interno del bosco fare attenzione alla segnaletica sugli alberi scegliendo il sentiero che sale il versante in massima pendenza. Raggiunta una costruzione in blocchi di cemento, si prosegue sulla destra sempre all’interno del bosco. Quando questo si dirada, prima di uscire sui pendii erbosi, fare attenzione a non perdere sulla sinistra la traccia che sale in massima pendenza alla fascia rocciosa che scende dal M. Ortat. Qui il sentiero piega a destra tagliando in diagonale alcune balze erbose ripide ed esposte. Traversando gli ultimi metri si raggiunge il canalino detritico che scende da Forcella Racli. Non imboccarlo e proseguire ancora sulla dx, oltrepassando due piccoli larici, e risalire per zolle erbose e roccette sempre più ripide fino a raggiungere il piccolo intaglio di Forcella Racli (1.590 m) dove la vista si apre verso la Val Silisia e la conca di Casera Valine.

Risalire direttamente la parete dx della forcella superando alcuni metri intorno al 1° grado, oltre i quali si è in cresta. Con l’aiuto di un segnavia circolare fucsia si segue il percorso accidentato e dentellato, che si supera senza particolari difficoltà, prestando attenzione ad alcuni punti esposti, che porta ad una piccola anticima e quindi alla cima del Monte Rodolino (1.700 m, ancona e libro di vetta).

Dalla cima si prosegue lungamente, con continui saliscendi e qualche esposizione, per il facile e frastagliato crinale orientale, seguendo i segnavia (tenere presente che senza di questi – in caso di nebbia – la cresta per la sua conformazione diventa impercorribile ed estremamente pericolosa). Superate numerose anticime, nel punto in cui la cresta si sfalda in due parti, scendere sulla dx fino ad una spalla e qui piegare decisamente a sx (segnale su un masso) seguendo un ripido traverso in discesa fino a guadagnare il filo della dorsale di sx, in corrispondenza di una macchia di mughi, attraversata la quale si scende senza ulteriori difficoltà alla Forcella Salinchieit (1.459 m cartello).

Da qui si imbocca il sentiero CAI n. 973a che conduce in centro a Poffabro. Il sentiero, che nella parte sommitale ha qualche tratto notevolmente esposto e presenta qualche passaggio delicato per la franosità del terreno, grazie ad alcuni tratti in massima pendenza consente di percorre con una certa rapidità i 900 m di dislivello che ci separano dal paese.

Complessivamente l’escursione richiede un buon allenamento, esperienza ed una sicura confidenza con l’ambiente montano, in presenza dei quali regala un’esperienza sicuramente remunerativa ed anche un pizzico d’avventura in un ambiente integro e poco frequentato.

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Cervignano del Friuli “Giusto Gervasutti”
Via Garibaldi, 18 – 33052 Cervignano del Friuli (UD)
Tel. 0431 30283
info@caicervignano.it – www.caicervignano.it
 

Tags :


  • 0
Locandina Triathlon

MOUNTAIN TRIATHLON – 14 al 16 giugno – CERVIGNANO IN SPORT

Amiche e Amici

Dal 14 al 16 giugno p.v., presso il Centro Sportivo di Cervignano del Friuli, si terrà la prima edizione di CERVIGNANO IN SPORT, manifestazione dedicata allo sport per tutti. Diverse associazioni si presenteranno al pubblico con le loro attività: pallavolo, baseball, pattinaggio, ciclismo, tennistavolo, e molte altre. Ci saremo anche noi con la nostra struttura artificiale alta 8 metri e non solamente. Proporremo circuiti d’agilità ed equilibrio in verticale ed orizzontale, discese in corda doppia, uso dell’attrezzatura da vie ferrate. Gratuito e per tutte le età questo lo dobbiamo ricordare. Quindi divulgate questa iniziativa a parenti, amici e conoscenti.

Manifesto triathlon

Vorremmo però invitarvi ad iscrivervi alla prima gara sezionale di MOUNTAIN TRIATHLON. Nulla di estremo, come si potrebbe presagire, ma un’insieme di tre discipline praticate da molti di noi. Una prova su circuito misto asfalto e sterrato di corsa a piedi di 2 Km, una di MTB di 3 km, e la prova di arrampicata, difficoltà- boulder-dry tooling da svolgersi sulla struttura attrezzata per l’occasione.

Nulla di difficile, ma tutto improntato sul sano divertimento e sul mettersi in gioco. Le difficoltà tecniche saranno tali da consentire la partecipazione di tanti.

Per curiosità, informazioni ed iscrizioni telefonate a Boemo Cristian (348-7693599) Nicole Salvemini (349-5012646) Michele Sattolo (340-7114846)

N.B. Per ovvi motivi organizzativi è necessario iscriversi entro domenica 9 giugno . Se qualcuno non fosse in possesso dell’attrezzatura necessaria (Bicicletta MTB, imbragatura, piccozze, casco, scarpette d’arrampicata ) dovrà preventivamente rendercelo noto.

Vi aspettiamo.

Category : Attività varie